Passare da Wordpress a Jekyll

December 10, 2015

Wordpress è una delle piatteforme di blogging più utilizzate al mondo, un blog su tre è creato con questo CMS. Eppure ha varie pecche, una su tutte la lentezza. Se invece si è in cerca di velocità esistono una serie di CMS che generano pagine HTML statiche.

I vantaggi di usare wordpress sono tanti, in primis è molto facile da usare, ha dei requisiti per l'hosting bassi e consente di creare un sito in pochi minuti. è inoltre molto facile creare plugin e temi per wordpress, questo ha portato alla creazione di store virtuali dove è possibile comprare questi componenti a prezzi irrisori ed avere quindi un sito professionale senza scrivere codice, o quasi.

Wordpress è costruito in php, utilizza un database di tipo MySQL per memorizzare il contenuto degli articoli ed i settaggi del sito. Ha una parte amministrativa grazie alla quale è possibile gestire il sito da qualsiasi postazione o anche da app per sistemi mobile. Questo porta anche però a problemi di sicurezza: cosa succede se qualcuno entra nella parte amministrativa del mio sito?

Per quanto con la versione 7 php risulta molto più performante, il server ad ogni visita per poter esporre una pagina HTML deve interpretare il codice wordpress e quello dei vari template e plugin, all'interno del codice php ci sono poi spesso interrogazioni al database per ottenere ad esempio il contenuto di un articolo. Questo porta ad una latenza nella risposta a volte elevata, questi problemi sono in parte aggirabili tramite componenti che effettuano il caching delle risorse utilizzate più spesso.

Cos'è Jekyll

Jekyll è un generatore di siti statici, in pratica un sito creato con Jekyll non ha bisogno di un database per funzionare, Jekyll si occupa di creare la struttura HTML, CSS e Javascpript necessaria per il funzionamento del sito. Tutti gli articoli e le pagine sono sul proprio computer, quando si voule creare o aggiornare il sito si esegue "jekyll serve" da riga di comando e il sito sarà generato all'interno della directory "_site". Tutto il contenuto di questa cartella va poi caricato sul server che ospiterà il sito.

La sicurezza in Jekyll

Un sito costruito in Jekyll non ha una parte amministrativa web questo comporta maggiore sicurezza rispetto wordpress, però per aggiornare un contenuto del sito è necessario usare un computer con Jekyll installato.

Come e dove si instala Jekyll

Jekyll è un applicazione creata con Ruby, necessiterà quindi avere Ruby installato e funzionante sulla propria macchina. Si sceglie dove installare il nuovo sito e all'interno di quella directory si esegue il comando shell "Jekyll new nomesito". Per vedere il sito sempre da terminale scrivere "jekyll serve" e verrà lanciato un server web locale con indirizzo standard 127.0.0.1:4000 . Lasciando il terminale aperto ogni singola modifica verrà riportata sul sito. Per creare un articolo basta creare un nuovo file all'interno della cartella "_post", le pagine invece possono essere inserite liberamente nella directory principale del sito.

Il deploy del sito

Quando crediamo che il sito sia pronto basta eseguire il comando "Jekyll build" e il sito verrà creato staticamente all'interno della directory "_site".

I plugin ed i template per jekyll

Anche per jekyll esistono una serie di plugin e template grafici per modificarne il comportamento, sono sicuramente molti di meno rispetto quelli disponibili per Wordpress anche vista la giovinezza del progetto Jekyll.

I vantaggi di jekyll rispetto wordpress

Jekyll è più sicuro e le prestazioni di un sito sono maggiori in termini di tempi di risposta

Gli svantaggi di jekyll rispetto wordpress

Necessita una minima conoscenza della programmazione HTML, non ha molti componenti come wordpress, è usato da pochi ( è un progetto giovane).

Il SEO in Jekyll

Uno dei plugin più utilizzati in wordpress è quello relativo al SEO (Search Engine Optimization), in pratic utilizzare questo componente rende il tuo sito e i tuoi articoli più appetibili per i motori di ricerca che quindi tenderà a metterli più in alto nei risultati. Jekyll al momento non dispone di un plugin del genere ma ci sono due riflessioni da fare a riguardo:

  • è possibile creare una struttura html ottimizzata anche con Jekyll ma questo comporta un piccolo lavoro di modifica del tema standard;
  • il punto forte di Jekyll è la velocità del sito, quest'ultima è però un fattore di ranking per i motori di ricerca. Non è quindi detto che un sito wordpress ottimizzato lato SEO risulti posizionato meglio di uno Jekyll.